Archivi categoria: Poesia

Natale 2012

I Tutte le cose nuove sulla terra e nel cielo e nel cuore inaridito dell’uomo una promessa

Pubblicato in Il Giornale dell'Umbria, Poesia | Commenti disabilitati su Natale 2012

E Fabrizio disse: lodate l’uomo!

«Io mi ritengo religioso, e la mia religiosità consiste nel sentirmi parte di un tutto, anello di una catena che comprende tutto il creato… La mia religiosità non arriva a cercare di individuare il principio, che tu voglia chiamarlo creatore, … Continua a leggere

Pubblicato in Arte e cultura, Il Giornale dell'Umbria, Il nome di Dio, Poesia | Commenti disabilitati su E Fabrizio disse: lodate l’uomo!

Discorsi di varia umanità sulla via della croce

E qui Fabrizio de André accettò la sfida dei grandi pittori, da Pietro Lorenzetti (sec. XIV) a Renato Guttuso (sec. XX), che nelle loro Crocifissioni hanno tentato, molto spesso riuscendoci, a riprodurre

Pubblicato in Arte e cultura, Il Giornale dell'Umbria, Poesia | Commenti disabilitati su Discorsi di varia umanità sulla via della croce

E Fabrizio De André riscrisse i 10 comandamenti

Affronto con qualche trepidazione questo ultimo appuntamento Fabrizio de André, il quale si prefigge, ora, un compito ambizioso: salire sul Sinai, per riscrivere nientemeno, le Tavole della Legge di Mosè, umanizzandone alcune voci, abrogandone altre.

Pubblicato in Arte e cultura, Il Giornale dell'Umbria, Poesia | Commenti disabilitati su E Fabrizio De André riscrisse i 10 comandamenti

Figlio di uomo o figlio di Dio? Il figlio di Maria

Abbiamo lasciato Maria, fanciulla, al risveglio d’un sogno che la lascia, smarrita, a carezzarsi il grembo, dove “lievita”, inattesa, una nuova vita. “Femmina un giorno e poi madre per sempre”, sembra confortarla, o compatirla, Fabrizio De André,

Pubblicato in Arte e cultura, Il Giornale dell'Umbria, Poesia | Commenti disabilitati su Figlio di uomo o figlio di Dio? Il figlio di Maria

Il vangelo di Maria secondo Fabrizio De André

Di che parla la Buona Novella di Fabrizio de André? A me pare evidente: parla del grande inganno della croce e della fede in quel Dio che quella croce ha voluto. E di chi parla la sua Buona Novella? Anche … Continua a leggere

Pubblicato in Arte e cultura, Il Giornale dell'Umbria, Poesia | Commenti disabilitati su Il vangelo di Maria secondo Fabrizio De André

Le devote bestemmie di Fabrizio De Andrè

Ricordo ancora l’emozione che provai la prima volta che ebbi modo di ascoltarla da un cd comprato per caso in un autogrill dell’autostrada, dove non so. Per caso. Non seguo la musica cosiddetta leggera, anche se so che fra tanto … Continua a leggere

Pubblicato in Arte e cultura, Il Giornale dell'Umbria, Poesia | Commenti disabilitati su Le devote bestemmie di Fabrizio De Andrè

È risorto: e la mia speranza con lui

Sarà bene dirlo subito. Mettendo insieme questo pezzo (composto di testi da me scritti per altre occasioni) io mi schiererò dalla parte di “loro”. Di «quelli che non hanno speranza, che non hanno bellezza, che non hanno una patria quaggiù». … Continua a leggere

Pubblicato in Il Giornale dell'Umbria, Poesia, Preghiera, Sacre Scritture | Commenti disabilitati su È risorto: e la mia speranza con lui

Natale: la storia, il mito, la poesia, la liturgia

La prima notizia sicura sulla celebrazione di una festa liturgica dedicata al Natale è del sec.IV. Essa ci riporta una descrizione, ritenuta fedele dagli storici, di come veniva celebrata la memoria del natale a Gerusalemme e a Betlemme: Il Natale … Continua a leggere

Pubblicato in Il Giornale dell'Umbria, Poesia, Preghiera, Religioni, Storia della liturgia | Commenti disabilitati su Natale: la storia, il mito, la poesia, la liturgia

A me di Dio non importa, o meglio, importa terribilmente

«A me di Dio non importa. O, meglio, importa terribilmente. Io soffro per lui, perché lo vorrei, e non lo conosco. Io credo in Dio, disperatamente. Poveramente. Semplicemente. Perché mi è terribilmente necessario: crederei in lui anche se sapessi che … Continua a leggere

Pubblicato in Il Giornale dell'Umbria, Il nome di Dio, Poesia, Preghiera, Vita come valore | Commenti disabilitati su A me di Dio non importa, o meglio, importa terribilmente