Una persona annega in alto mare…

“Una persona annega in alto mare,
una annega in un bicchier d’acqua,
ma entrambe muoiono”.
Una parola così non me la sarei mai aspettata
da padre Pio di Pietrelcina.
Non che sia sbagliata, beninteso, solo mi pare
tanto terra terra: grande buon senso,
ma niente misticismo, niente di sublime.
Forse perché anche lui stesso veniva
dalla terra, e della terra aveva succhiato tutti
gli umori e la popolare saggezza della sua gente.
Da oggi le spoglie di quell’uomo che conobbi e
incontrai quattro volte in vita e a cui credo
di dovere tanto (forse tutto!), sono esposte
a San Lorenzo al Verano, cimitero monumentale
della città papale. A Roma l’ha voluto Francesco
per l’Anno Santo. Perché milioni di pellegrini
lo vedessero e lo venerassero da Santo.
Semplice la sua sapienza, sapienza contadina.
Anche la massima che abbiamo letto sopra,
sa di quella sapienza: sapienza che magari
ce l’avessimo tutti!
Che vuoi che sia… è solo un bicchier d’acqua.
Ma se ti va di traverso, anche d’acqua si muore;
e se non sai nuotare anche in una piscina
si può affogare.
Quanti matrimoni o amori o carriere o sogni
sono affogati in un bicchiere d’acqua?
Giovani vite bruciate, sprecate anzi tempo,
per non saper “nuotare” nel vario fluttuar
della vita.
Dio ce ne scampi! E tutti ci benedica.
Don Antonio
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri della buona notte. Contrassegna il permalink.